• Home
  • Notizie
  • Sportello Unico per l'Immigrazione. Sistema pubblico per la gestione dell'identità digitale. - SPID

Sportello Unico per l'Immigrazione. Sistema pubblico per la gestione dell'identità digitale. - SPID

Su indicazione del Vice Presidente del Consiglio Nazionale, si allega la circolare del Ministero dell'Interno sull'argomento riportato in oggetto.

In allegato anche il nuovo Mod. 7 ricevuto dal Ministero dell'Interno, che sostituisce quello inviato nella citata comunicazione, necessario ai fini dell’inoltro della richiesta di accesso al sistema informatico dello Sportello Unico per l’Immigrazione da parte degli enti interessati. Il modello è stato riformato nella parte concernente gli impegni discendenti dalle nuove disposizioni relative alla protezione dei dati personali, nonché nell’ordine degli indirizzi in quanto la richiesta deve essere inoltrata ai Prefetti, che si occuperanno di trasmetterli - col proprio parere - alla Direzione Centrale per le Politiche dell'Immigrazione e dell'Asilo, per i consueti accertamenti di competenza.

Con riferimento a quanto in oggetto, ed alle diverse segnalazioni di presunti malfunzionamenti del sistema di autenticazione mediante IS SPID, si forniscono di seguito alcuni chiarimenti in merito alla identificazione sul portale nullaostalavoro.dlci.interno.it
Al riguardo, si rammenta preliminarmente che la funzione “associa pratica” consente a coloro che hanno già operato sul sistema informatico dello Sportello Unico per l’Immigrazione di associare alla nuova utenza SPID tutte le istanze inviate con la vecchia utenza.
Si precisa, peraltro, che prima di effettuare l'accesso con SPID è opportuno verificare che i dati anagrafici registrati sul sistema siano identici a quelli effettivi con i quali si è attivato l’ID SPID.
Pertanto, prima di effettuare l’associazione delle vecchie pratiche alla nuova utenza SPID, consigliamo di accedere con le vecchie credenziali, cliccando sul link a sinistra "modifica i dati personali", e verificare in particolare la data di nascita.
Se la data riportata non è congruente con quella effettiva, vi preghiamo di modificarla.
Se, invece, sono invertiti il nome con il cognome, sarà necessario aprire un ticket utilizzando l'apposito form; verrete successivamente contattati dall'help desk.
Effettuati questi controlli, sarà possibile accedere con SPID ed effettuare l'associazione delle pratiche inviate con la vecchia utenza alla nuova utenza SPID.
Con l’occasione, si raccomanda agli enti sottoscrittori di Protocolli d’Intesa con questo Ministero di comunicare tempestivamente all’indirizzo Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. i nominativi e le relative utenze degli operatori che a qualsiasi titolo non potranno più accedere al sistema in nome e per conto dell’ente medesimo, comunicando contestualmente a quale altra utenza (già attiva ed abilitata con la nota procedura) dovrà essere consentito di associare le relative pratiche.
Si precisa, infine, che i modelli 7 e 8, con i quali vengono richieste le autorizzazioni ai Prefetti, sono da utilizzare unicamente per le nuove utenze di operatori che si devono registrare sul sistema per la prima volta.
Gli utenti che hanno già agito sulla piattaforma dello Sportello Unico dovranno solo procedere con la procedura di “associa pratica”.

Infine si comunica che la possibilità di accedere al sistema di invio delle istanze https://nullaostalavoro.dlci.interno.it/ mediante l'utilizzo delle vecchie credenziali, è prorogata fino alla fine del prossimo mese di febbraio 2019.

Per opportuna conoscenza si comunica che il termine per effettuare l'accesso al sistema di invio delle istanze https://nullaostalavoro.dlci.interno.it/ mediante l'utilizzo delle vecchie credenziali, è stato nuovamente prorogato al 15 marzo 2019.

Documentazione disponibile:
Download this file (MOD.7 nuovo.doc)MOD.7 nuovo.doc[ ]28 kB
Download this file (MOD.7 nuovo.pdf)MOD.7 nuovo.pdf[ ]174 kB
Download this file (NOTA PROT. N. 3738 DEL 4.12.18.pdf)NOTA PROT. N. 3738 DEL 4.12.18.pdf[ ]1043 kB
Download this file (Slides.pdf)Slides.pdf[ ]865 kB